TRA MUSICA E SPERANZA, GLI AUGURI DI NATALE AL POLO CONFORTINI

Polo Confortini Sandro Caffi

Sandro Caffi, direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Verona

Il 18 dicembre i giovani artisti di A.LI.VE. saranno protagonisti del consueto concerto di Natale, organizzato dall’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Verona presso il Polo Confortini dell’Ospedale Borgo Trento. Il Dott. Sandro Caffi spiega il valore simbolico di questo momento, dell’arte e della musica nell’ambiente terapeutico.

Considerato nell’immaginario comune un luogo di cura, dove la tecnica e la scienza la fanno da padrone, l’ospedale è prima di tutto uno spazio aperto alla speranza. Tra i letti dei reparti, nei corridoi, nelle sale operatorie, ovunque si respira speranza: quella dei malati e dei loro familiari, quella dei medici che credono nel potere della cura e della conoscenza scientifica ma che non possono fare a meno di sperare. È la stessa che il coro di voci bianche e i giovani solisti di A.LI.VE. porteranno al Polo Confortini la sera del 18 dicembre in occasione del concerto “Note di Speranza”. Leggi

SOGNANDO I GIOVANI ALL’OPERA

Il Teatro Filarmonico di Verona

Paolo Gavazzeni, direttore artistico della Fondazione Arena di Verona si racconta e presenta la speciale rappresentazione de La Bohème di Giacomo Puccini, andata in scena al Teatro Filarmonico lo scorso mese e a cui hanno partecipato i giovani del coro di voci bianche di A.LI.VE.

 

Immaginate la grande platea di uno splendido teatro, immaginatela nell’attimo appena successivo all’uscita del pubblico dalla sala. Gli spettatori si riversano per le vie di Verona, il teatro pian piano si svuota e il silenzio prende il posto della musica. È un silenzio carico di emozioni: nell’aria vibrano ancora le note de La Bohème di Giacomo Puccini e, in questa magica atmosfera di un ormai vuoto Teatro Filarmonico, ho l’onore di rivolgere qualche domanda al direttore artistico della Fondazione Arena, Paolo Gavazzeni. Leggi

SULLE ONDE DELLA MUSICA DI DESENZANO

Il Coro Voci Bianche A.Li.Ve. a Desenzano

Desenzano è sempre più città della musica e la ricca stagione concertistica 2014/2015 lo dimostra: nove date, grandi interpreti e solisti di fama internazionale. Tra i protagonisti del concerto di Natale, anche i solisti e il coro di voci bianche A.LI.VE. Ne abbiamo parlato con Andrea Mannucci, direttore artistico della stagione.

La magica sinfonia N. 7 di Beethoven eseguita dall’Orchestra Filarmonica Italiana, i virtuosismi della bravissima violinista Francesca Dego, il giovane direttore d’orchestra Andrea Battistoni e le allegre melodie natalizie di A.LI.VE. saranno protagonisti della nuova stagione concertistica di Desenzano, in programma dal 8 novembre 2014 al 28 marzo 2015.Di ciò e molto altro ci racconta il direttore artistico Andrea Mannucci che, oltre a offrire interessanti spunti sugli eventi in calendario, parla della sua collaborazione con i solisti e il coro di voci bianche A.LI.VE. che saranno impegnati il 20 dicembre al Duomo di Desenzano per il concerto di Natale. Concerto che Mannucci ha definito il clou di tutta la stagione concertistica. Leggi

A.LI.VE., NON SOLO A VERONA

Le iscrizioni sono aperte!

 Aperta a San Pietro di Lavagno la nuova sede di A.LI.VE. con corsi di canto e violino

A.Li.Ve. (Accademia Lirica Verona) apre le proprie porte anche in provincia, con una sede staccata a San Pietro di Lavagno. L’inaugurazione ufficiale della nuova scuola, presso la Sala Civica ‘Giovanni e Antonio Visco’, è avvenuta lunedì 29 settembre, e le attività hanno subito preso il via con un corso di canto per il coro di voci bianche (ogni lunedì dalle 16.30 alle 18.30), che ad oggi conta già 15 bambini iscritti. L’occasione di avere una scuola di canto a pochi chilometri di distanza, infatti, è stata subito ben accolta dai genitori di Lavagno e comuni limitrofi. «Capita spesso»- spiega il maestro Paolo Facincani, direttore della scuola – «di entrare in contatto con famiglie desiderose di far partecipare i figli ai nostri corsi, ma in difficoltà a causa della distanza della nostra sede nel centro di Verona». Da qui la decisione, al 14° anno di attività di A.LI.VE., di aggiungere una nuova sede per avvicinare i ragazzi della provincia dell’Est Veronese ai corsi dell’Accademia. A distanza di poche settimane dall’apertura, le considerazioni dei genitori degli allievi sono sicuramente positive: «I bambini mi sembrano molto coinvolti» – racconta una mamma – «e il maestro è senz’altro capace di rapportarsi in modo simpatico con loro, senza però tralasciare la professionalità». Le iscrizioni sono ancora aperte non solo per il corso di coro di voci bianche, ma anche per il corso di violino in partenza in questi giorni, che si terrà sempre nella sede della Sala Civica, dalle 18:00 alle 20:00, con il Maestro Massimo Barba. Il debutto è previsto presso la Sala Civica di San Pietro di Lavagno lunedì 15 dicembre alle ore 18: i piccoli debuttanti della nuova sede si esibiranno insieme ai debuttanti di Verona, in un piccolo concerto che sarà completato dall’esibizione dei giovani allievi della classe di violino. Domenica 21 dicembre alle 17:00 si esibiranno presso il Santuario della Madonna della Salute di Madonna di Dossobuono, verranno eseguiti alcuni brani natalizi insieme a tutto il coro di A.LI.VE.

Un articolo di Elia Carpene