resizeArte, danza e musica non vanno in vacanza! Il Grest di A.LI.VE. è alle porte. I maestri ci presentano i loro corsi e le loro proposte per questa estate in Accademia.

C’è novità quest’anno in A.LI.VE.: il Grest! Ma non sarà un grest tradizionale, perché saranno l’arte, la musica e la danza a farla da padrone.

I laboratori artistici e musicali saranno aperti agli allievi già iscritti e a tutti quelli che vorranno provare nuove esperienze e passare l’estate nello straordinario mondo dell’Accademia Lirica Verona. I corsi estivi si terranno dal 15 giugno al 3 luglio, dal lunedì al venerdì, con orario 8:30 – 16:30.

CORSO DI TEATRO
I bambini e i ragazzi lavoreranno a stretto contatto con il regista Marco Lui per la preparazione dei prossimi spettacoli di A.LI.VE., sarà un’esperienza divertente perché il noto regista (che collabora con lo Zecchino D’Oro, ndr) avrà modo di assegnare le parti a ciascun allievo facendolo divertire come succede nei suoi spettacoli televisivi.
Gli allievi saranno messi alla prova sull’improvvisazione, sul creare dal nulla, sul trasformare gli oggetti o anche loro stessi in altro. Saranno divisi in gruppi, scriveranno anche una breve storia che potranno mettere in scena. Ci saranno anche alcune varianti del “mimo” classico!

STRUMENTI
In queste giornate i bambini potranno conoscere e provare a suonare nuovi strumenti: tromba, chitarra, violino e clarinetto. I maestri sono pronti ed entusiasti di far provare nuove esperienze ai giovani allievi, come anticipa il maestro Francesco Perrone: «I miei strumenti sono gli ottoni, i corni e la tromba. Ancora non so come organizzerò i bambini, dipenderà dal numero di partecipanti, ma voglio dedicare mezz’ora o un’ora alla mattina, per instillare curiosità e conoscenza sul loro uso. Se l’interesse sarà grande grande si riuscirà anche a imparare qualche brano».

«L’idea di fondo è, come penso nella filosofia di A.LI.VE., cercare e proporre la qualità facendo leva sulle capacità dei ragazzi, sulle sinergie che nascono in un gruppo e, non ultima, la possibilità di ottenere ottimi risultati divertendoci». Con queste parole Claudio Moro, maestro di chitarra, presenta il suo corso. «Userò dei giochi e delle attività di gruppo per avvicinare i ragazzi alla chitarra cercando di ottenere sin da subito risultati da loro apprezzabili. Imposterò il lavoro come un laboratorio, con un progetto di percorso modificabile e sempre in divenire, secondo gli sviluppi della situazione e, prima ancora, secondo le necessità che via via si presenteranno. Per perseguire questi obiettivi, userò tutta la tecnologia di cui dispongo: microfoni, LoopStation, computer e software di registrazione».
Il maestro di violino, Massimo Barba, spiega: «Il corso che propongo segue le linee guida del progetto Violino assieme che nasce dalla consapevolezza che, rispetto alla lezione individuale, un primo approccio collettivo allo studio del violino sia di maggior stimolo per i bambini. Gli insegnanti, forti della loro esperienza nella didattica della musica e nello specifico del violino, propongono un percorso in cui, in maniera sempre operativa, gli alunni vengono guidati alla scoperta dello strumento, pizzicando le quattro corde per poi utilizzare l’arco quale vero artefice della produzione del suono. Così, in piccoli gruppi di dieci bambini, vengono impartiti i rudimenti di uno strumento che al primo contatto può apparire ostico e poco gratificante. Giochi musicali e semplici brani dai ritmi accattivanti conducono passo passo gli alunni ad essere parte integrante del discorso musicale, gratificati dall’entusiasmo del fare musica assieme».
Il quarto strumento che verrà utilizzato sarà il clarinetto che, sotto la guida del maestro Bruno Matteucci, potrà essere scoperto e utilizzato dai ragazzi in varie possibilità. «In accordo con il pianoforte potrebbe essere un’ottima occasione di musica folcloristica, oppure si potrebbero fare dei piccoli brani con trombe e chitarre. Sarà importante scoprire le varie tonalità dello strumento e le sue variabili nel clarinetto basso e corno di bassetto. A giorni alterni proporrò il mio corso, fiducioso della grande possibilità di crescita che la musica può dare ai giovani ragazzi».

DISEGNO
Grande parte dei lavori sarà anche data all’arte del creare con il maestro Nicola Ghirotto, che ha già in mente molti progetti da poter attuare in queste calde giornate. «Ci sarà CercARTE, una caccia al tesoro artistica presso Villafontana Eventi, il progetto Come nasce una scultura, ovvero un sopralluogo ad Isolalta di Vigasio presso lo studio del Maestro Sergio Capellini per scoprire le diverse tecniche scultoree. Ci sarà anche un’uscita presso il Duomo di Verona, Duomo drop in drawing, con possibilità di fare disegni all’interno della Cattedrale, con l’obiettivo di conoscere le opere in Duomo e le diverse tecniche per rielaborare le forme ispirandosi a soggetti sacri. Infine, proporremo un laboratorio della Creta. Tutti i lavori saranno poi esposti in una mostra finale in A.LI.VE.».

DANZA
Un percorso parallelo a musica, teatro e arte, sarà la danza tenuta dalla maestra Lorella Doni, «Il nostro sarà un percorso propositivo sui primi passi, con maestre di hip pop, danza classica e moderna. Saranno lezioni di avvicinamento al linguaggio della danza in modo che qualunque principiante possa venirne a conoscenza, attraverso anche l’attività ludica, ma proseguiranno anche i corsi già presenti in A.LI.VE. per chi già li frequenta e potrà così avere un’occasione di miglioramento. Un buon obiettivo sarà avere la coordinazione tra voce e danza, il movimento perfetto sul ritmo del canto che avviene solo dopo tanto lavoro e impegno».

Un grest sperimentale in pieno stile A.LI.VE., dove tutto può succedere!
Provare per credere e divertirsi con le arti!

Un articolo di Alice Martini

locandina grest pic